DIECI PASSI NELLA STORIA DEI TAROCCHI..

 

Volendo sinteticamente citare i passaggi fondamentali della genesi e della storia del gioco dei Tarocchi Siciliani, ripercorrendo le conclusioni documentate cui è giunto Dummett, potremmo limitarci ad inquadrare questo decalogo di “passaggi storici”, riportati e integrati dalle risposte di Michael Dummett alla bella intervista di Armando Torno (Il mago della logica stragato dai Tarocchi-Corriere della Sera 5-09-2002):

  1. Introduzione in Europa dei mazzi di carte e di conseguenza dei giochi effettuati con essi: le carte da gioco sono arrivate in Europa nel ’300 dal regno mamelucco di Egitto e Siria. Giunsero prima a Valencia e a Venezia.
  2. Invenzione del mazzo dei tarocchi. Il mazzo di tarocchi è invenzione italiana, fatta probabilmente nella corte viscontea di Milano o in quella estense di Ferrara verso il 1425 e consisteva nell’addizione di 26 carte a un mazzo italiano di 52, raggiungendo il numero oggi usuale di 78: una quarta figura, la Regina, in ciascuno dei quattro semi; una serie di 21 "trionfi", ciascuno con l’immagine di un soggetto - il Papa, l’Amore, la Giustizia, il Diavolo, la Luna, l’Angelo - e una singola carta, il Matto con un ruolo tipico a se stante.
  3. Ruolo dei Trionfi. Nel gioco dei tarocchi i 21 trionfi funzionano da briscole e di fatto è con l’invenzione di queste carte che nasce il concetto stesso di briscola. Prima esistevano giochi di prese, senza briscole; si praticavano in Persia e anche nell’impero Mogol in India. Insomma, l’aggiunta dei trionfi consentì di giocare un nuovo ruolo.
  4. Significato dei trionfi. Secondo Dummett il significato dei Trionfi va ricercato nel “ruolo che queste carte hanno nel gioco” e non nello studio delle loro immagini . Come detto il ruolo come briscola (Trump in inglese proprio in eredità del termine trionfi) è attestato fin dal 1442 con le figure disegnate dal pittore Sagramoro per il Duca D’Este. Ed è quindi un ruolo completamente nuovo, di invenzione appunto. Ma allora perché proprio quelle figure o quei simboli? Non sono comunque legati ad una visione esoterica o occulta? Sono semplicemente, secondo Dummett, le figure più “memorizzabili” del repertorio di immagini del tempo, ed è probabilmente solo per questo che i primi disegnatori di Trionfi le usarono: sono le immagini che restarono più diffuse nella storia dei Tarocchi solo perché nascevano dalle mani di artisti che, operarono nel loro tempo e nella loro cultura delle corti rinascimentali italiane, dove alchimia e occultismo erano certamente presenti e influenzavano necessariamente il simbolismo iconografico degli artisti stessi insieme a contenuti allegorici di matrice medievale.
  5. Diffusione in Italia. I tre primi centri del gioco furono Milano, Ferrara e Bologna. Entro il 1450 erano conosciuti a Firenze, e a Roma probabilmente prima della fine del XV secolo.
  6. Diffusione in Europa. All’inizio del ’500, quale conseguenza delle guerre francesi per Milano, i tarocchi arrivarono in Francia e Svizzera. Nel ’600 penetrarono nei territori di lingua tedesca, poi nel resto d’Europa. Qualche eccezione c’era: la penisola iberica, le isole britanniche e i paesi sotto il dominio turco. Disperdendosi, il gioco sviluppò molte varianti, che mantenevano caratteristiche tipiche.
  7. Introduzione in Sicilia. Da ciò che riporta il Marchese di Villabianca che scrisse un opuscolo sui giochi praticati in Sicilia, nel 1663 il Vicerè di Sicilia Francesco Gaetani, Duca di Sermoneta (vicino Roma) introdusse il gioco nell’isola. In realtà recenti prove documentali fanno pensare che già almeno nel 1630 carte dei Tarocchi fossero in produzione a Palermo. I Tarocchi siciliani sono molto diversi da quelli usati a Bologna, Ferrara, Milano e Firenze. Forte influenza sulla forma siciliana hanno avuto "i Gallerini", che era il nome siciliano dato al gioco dei Tarocchi fiorentini, gioco che a Firenze inizialmente fu chiamato "Minchiate", termine che in alcune regioni era scandaloso usare. Villabianca aggiunge che il gioco e le carte dei tarocchi erano spesso conosciuti come piccoli Gallerini. Il numero di carte attuali e l’ordinamento dei Trionfi assimila maggiormente quelli siciliani ai tarocchi di Bologna, l’uso di fanti donna e l’iconografia di alcune immagini usate in aggiunta o sostituzione a quelle del mazzo piemontese, (la cui origine è spiegata in conseguenze della volontà di eliminare alcune immagini sgradite alla ricca giocatrice, la Duchessa di Caccamo, che si poté permettere di pagare le spese per creare i nuovi stampi) si deve quasi certamente al mazzo delle Minchiate Fiorentine.
  8. Origine delle prime teorie misteriche. Nel ’700 il loro gioco era tramontato a Parigi e sopravviveva soltanto nell’est della Francia, in Borgogna e Provenza. Nel VIII volume del suo Il Mondo primitivo (1781), Antoine Court de Gibelin, pastore protestante e massone, propone la teoria che i tarocchi siano stati inventati da sacerdoti egizi per simboleggiare le loro dottrine religiose, e che le 78 carte costituiscono “il libro geroglifico di Thoth” in cui sono sintetizzate tutte le conoscenze dell’uomo. Su questa base l’indovino e cartomante Alliette, sotto lo pseudonimo di Etteilla disegnò un nuovo mazzo di tarocchi rielaborandone struttura ed immagini, con cui praticava la divinazione. Si era ispirato al Pimander, attribuito a Ermete Trismegisto. E’ con lui che si diffonde la denominazione di arcani per le carte e di arcani maggiori per i Trionfi. La produzione non si fermò, e mazzi divinatori di "Tarocchi egizi" si diffusero molto nella Francia dell’800.
  9. Diffusione della teoria occulta e divinatoria. Nel 1854 l’occultista Eliphas Levi propose una nuova teoria: queste carte sono di origine ebraica e si devono interpretare alla luce della Cabala: alcuni collegano i 22 trionfi alle 22 lettere dell’alfabeto ebraico connettendoli ai bracci dell’albero sefirotico della qabbalah appunto. Una simile ipotesi, poi molto seguita, fornisce simboli a volontà. Così i tarocchi sono diventati una componente forte delle teorie magiche. Il fenomeno fu limitato, almeno per circa 35 anni, alla Francia; poi sbarcò in Gran Bretagna, dove è diffuso come strumento divinatorio anche il Tarocco di Marsiglia, stampato per la prima volta nel 1761, e quindi trovò fortuna in tutto il mondo occidentale.
  10. Riscoperte moderne. Alla fine degli anni ’60, Dummett scopre che in Sicilia si giocava ai tarocchi in un modo assolutamente originale, con regole e con un mazzo di carte diversi da quelli diffusi altrove (il gioco a partire dagli anni ’50 resiste solo in due paesi del messinese (Tortorici e Barcellona Pozzo di Gotto), uno del catanese (Mineo) e uno nel trapanese (Calatafimi). Dal 1973 egli comincia così una serie di svariati viaggi in Sicilia di incontro e pratica con questi giocatori di Tarocchi Siciliani, che all’insaputa del resto dell’Isola, dove il gioco era conosciuto e praticato fino al 1900, continuavano a tramandarsene regole e divertimento, paradossalmente ed ironicamente rilevo, facendo diventare il gioco stesso una pratica “occulta” per i più! Per contro quindi ad una situazione italiana che vede resistere solo la realtà (morente!) siciliana, quella del tarocco Piemontese e del Tarocchino di Bologna, in Francia dal 1974, il vecchio gioco prossimo all’estinzione ha conosciuto uno strepitoso revival: c’è una fiorente Federation Francaise de Tarot, con solenni tornei ufficiali, con campionato parigino e nazionale, ed il maitre cartier B.P.Grimaud ha venduto milioni di mazzi speciali che servono esclusivamente a giocare al Tarocco Francese.

ULTIME DAL BLOG!!

gio

15

giu

2017

IN ARRIVO IL 4° TORNEO "PRIMO PASSO"

Manca poco alla quarta edizione dell'unico torneo al mondo di Tarocchi "in costume" (nel senso di bikini, bermuda, ecc...). Il gioco di carte più antico di Sicilia si sposa con la splendida location marina affacciata sulla baia del Faro Santa Croce. Aperto ai Soci dell'Associazione Culturale Gioco Tarocchi Siciliani - Michael Dummett, o amici presentati dai soci.

 

Quota iscrizione € 5,00 e splendida occasione per chi non l'avesse ancora fatto per regolarizzare la quota associativa 2017!

 

Dopo l'exploit di Tomaselli nel 2014, l'eccitante exequo del 2015 tra Bonaccorsi ed Alicata e la schiacciante vittora di Magnano nel 2016 a chi andrà alla vittoria?

 

E quale migliore occasione dopo 5 anni di attività "agonistica", per fare il punto degli Albi D'Oro ed incitare così ALLA PUGNA!

 

Delle grandi "famiglie" taroccanti catanesi mancano ancora all'appello e sono attese quindi ad una prova di forza Alba/Morreale, Luca e Signorelli. Ma chissà che non ci sia da aspettarsi "grandi ritorni" o ulteriori confereme?

 

Ma il Torneo Primo Passo si sa è un torneo "extreme". Solo chi saprà gestire la stanchezza della nuotata, l'incipienza dell'eritema e l'appesantimento della magnata non perdendo lucidità potrà riuscire a spuntarla. Ma l'importante, innanzitutto, è esserci e mettersi alla prova!!

TORNEO NAZIONALE

ANNO PODIO
 2012 1° BONACCORSI SALVO
2°  GENNARO MARCELLO
3° FISICHELLA MILENA
ANNO PODIO
 2013 1° BONACCORSI SALVO
2°  BONANNO ANTONELLA
3° GENNARO MARCELLO
ANNO PODIO
 2015 1° SCHERMI GIUSEPPE
2°  FARINA SIMONA
3° GENNARO MARCELLO

TORNEO PRIMO PASSO

ANNO PODIO
 2014 1° TOMASELLI CARMELO
2°  FISICHELLA MILENA
3° PAGANO GIUSEPPE
ANNO PODIO
 2015 1°(EXEQUO) ALICATA IVAN / BONACCORSI SALVATORE
2°  COLLURA RICCARDO
3° GENNARO MARCELLO
ANNO PODIO
 2016   1° MAGNANO FRANCESCA
2°  ALICATA IVAN

3° GENNARO FRANCESCO/

FISICHELLA MILENA

TORNEO DEL BORGHETTO

ANNO PODIO

 2016

  GEN

1° TOMASELLI CARMELO
2°  CARUSO LOREDANA
3° CAMMAL ALAIN
ANNO PODIO

 2016

  APR

1° MAGNANO FRANCESCA
2°  FARINA SIMONA
3° LO CICERO TURI
ANNO PODIO

 2017

  MAR

1° FISICHELLA AGATA/BONACCORSI SALVO
2°  CAMMAL ALAIN
3° LO CICERO TURI

E chiudiamo con due "PROMO" grafici di puro divertissement.

0 Commenti

ARCHIVIO EVENTI

Piccola "galleria" degli eventi organizzati a partire dalla fondazione del marzo 2014.

 

11-18-25-31 Maggio 2014

CORSO DI TAROCCHI SICILIANI - Mineo - Centro Culturale Permanente Paulu Maura

 

27 Luglio 2014

UN MARE DI TRUNFI..DAL SOLE ALLE STELLE - Giornata divulgativa, minicorsi e Torneo - Augusta - Az. Agrituristica Primo Passo

 

11-12-18-19 Ottobre 2014

TRIONFO BAROCCO-IL GIOCO DEI TAROCCHI SICILIANI -
Militello Val di Catania, Biblioteca e Archivio Storico Palazzo Laganà-Campisi - Mostra, laboratorio bambini, presentazione libro, reading poesie

 

15 Novembre 2014

PRESENTAZIONE DEL LIBRO: I TAROCCHI SICILIANI DI MINEO, di Salvatore Bonaccorsi
- Ragusa, Caffè letterario "Le Fate", a cura di carlo Blangiforti

 

5 Dicembre 2014

Condivisione demo VIDEO "LA BALLATA DI LU FUJUTU", inno sperimentale dell'Associazione

 

11 Gennaio 2015

Presenza come relatore ed esposizione tavole mostra e carte da gioco alla PRESENTAZIONE DEL LIBRO "I TAROCCHI SICILIANI" , di Simone Cardullo - Barcellona P.G. Auditorium S.Vito

 

28 Giugno 2015

3° TORNEO NAZIONALE TAROCCHI SICILIANI - OPEN 2015 - Plaza Hotel - Catania

 

30 Agosto 2015

II TORNEO "PRIMO PASSO"

Augusta - Az. Agrituristica Primo Passo

 

18-20 Settembre 2015

TOCATI' - FESTIVAL INTERNAZIONALE DEI GIOCHI IN STRADA - Verona

 

29 Gennaio 2016

I TORNEO "DEL BORGHETTO"

Borhetto Europa, Catania

 

29 Aprile 2016

II TORNEO "DEL BORGHETTO"

Borhetto Europa, Catania

 

11 Agosto 2016

NTE I VANEDDI I TURTURICI..E' ARTE

 

28 Agosto 2016

III TORNEO "PRIMO PASSO"

Augusta - Az. Agrituristica Primo Passo

 

31 Marzo 2017

III TORNEO "DEL BORGHETTO"

Borhetto Europa, Catania